Email Marketing: cos’è e perché è importante per il tuo Business?

0
257
email marketing

Perché scrivere una guida su come fare email marketing?

L’email è un modo efficace per raggiungere contatti e potenziali clienti, soprattutto quando lo si combina con le chiamate. La tua prima campagna richiederà molto lavoro perché dovrai progettarla dall’inizio.

Ricorda solo che una volta creata una campagna che funziona, sarai in grado di utilizzarla  in futuro per altre campagne di successo e quindi rendere il tuo business altamente scalabile e profittevole!

Primi passi con email marketing

Il primo passo per il lancio di una campagna di email marketing è la raccolta di informazioni sui destinatari previsti. Vuoi che il tuo messaggio sia qualcosa di attraente e interessante per queste persone, non qualcosa che inviano alla cartella cestino senza leggerlo. Puoi ottenere alcune idee in tal senso chiedendo consiglio ai tuoi clienti storici.

Il grande svantaggio dell’email è che è facilmente ignorato; per avere successo, una campagna di email marketing deve essere puntuale. I tuoi migliori clienti sono esperti di ciò che altri clienti e potenziali clienti vorranno vedere da te e sono generalmente felici di condividere ciò che sanno.

Il tuo approccio può essere informale o formale, a seconda dei casi. Sia che tu organizzi riunioni con i tuoi clienti o semplicemente rispondi al telefono attraverso una chat, ti consiglio di porre domande come “Che tipo di informazioni ti piace vedere nelle email di marketing?”, “Preferiresti ricevere coupon, sconti, buoni regalo o qualche altro tipo di bonus?”, “Ci sono email di marketing che ti piacciono particolarmente e perché ti piacciono?”

Prendi nota della domanda di esempio sui bonus. Ogni campagna di email marketing deve avere qualcosa da offrire ai tuoi destinatari e deve essere qualcosa che considereranno prezioso o almeno utile. La tua offerta può essere un coupon, un po’ di informazioni utili, un link a un sito Web eccezionale, una guida pratica su qualcosa di interessante o una combinazione di questi elementi.

Le informazioni che raccoglierai dai tuoi clienti ti diranno quale tipo di oggetti di valore è più probabile che facciano piacere ai tuoi destinatari e questo ti permetterà di riuscire a capire come fare a creare una lista di email con cui fare business e quindi fatturato.

Guida per creare una corretta campagna di email marketing

Dopo aver selezionato alcune opzioni, è tempo di preparare la tua campagna. La tua campagna di email marketing iniziale sarà solo la prima di molte, quindi vuoi renderla qualcosa che puoi usare come base per il futuro.

Più conosci i tuoi potenziali clienti, meglio puoi mettere a punto la tua campagna per attrarli. Ad esempio, se i tuoi potenziali clienti sono rivenditori che si impegnano durante le festività natalizie, puoi inviare loro informazioni su come massimizzare i profitti durante la corsa delle vacanze nel momento in cui saranno più utili per loro.

Ormai dovresti avere un’idea del tipo di persona che desideri come destinatario, quindi è tempo di assemblare una mailing list specifica per le tue campagne. Come le campagne telefoniche, le campagne email vivranno o moriranno nella lista.

Un elenco mal scelto non genererà un buon consenso, non importa quanto sia meravigliosa la tua email. Inoltre, non inserire mai un potenziale cliente nella tua lista a meno che non ti abbia dato il permesso di inviargli comunicazioni via email. Se includi destinatari che non hanno richiesto le informazioni, stai inviando loro spam, che è sia non professionale che illegale.

Mailing-list

Non è difficile trovare potenziali clienti disposti ad aderire al tuo elenco: tutto ciò che devi fare è dare loro la possibilità. Puoi inserire un modulo di iscrizione di base sul tuo sito Web, includere un link sulle tue piattaforme di social media, distribuire moduli di iscrizione cartacei in punti vendita o in qualsiasi altro luogo in cui i tuoi potenziali clienti tendono ad andare, e così via.

Uno dei modi migliori per raccogliere nuovi nomi per il tuo elenco è partecipare agli eventi del settore. Non solo puoi distribuire moduli di iscrizione (spesso sotto forma di promozione), ma puoi anche raccogliere biglietti da visita e chiedere verbalmente l’autorizzazione ad aggiungere la persona alla tua mailing list.

Durante la formazione dell’elenco, il passaggio successivo consiste nella progettazione di un modello di posta elettronica. Idealmente, tutte le tue campagne di email marketing dovrebbero usare lo stesso modello: dà una sensazione coerente ai tuoi messaggi.

Scegli un modello che rifletta l’immagine della tua azienda e lasci molto spazio ai link e, eventualmente, alle immagini. La creazione di brevi paragrafi ed elenchi puntati nel modello rende le email più gradevoli e leggibili per i destinatari.

A questo punto, ti consiglio di creare una potente email di “apertura” che darà il via alla tua campagna. Più potente, intrigante e preziosa sarà la prima e-mail, maggiore è la probabilità che i tuoi destinatari leggano effettivamente le email di follow-up.

Quella prima email dovrebbe riflettere lo stile che intendi utilizzare per tutte le tue email di quella particolare campagna. È anche una buona idea far sapere ai tuoi destinatari quanto spesso intendi contattarli via email durante la campagna. E non esitare a richiedere feedback dai tuoi destinatari.

Se riesci a trasformare la campagna in una conversazione, puoi ingrandire i risultati. Questo perché il tuo target di riferimento si sentirà sempre più coinvolto ed avrà la sicura impressione che tu stia comunicando solo con lui.

Il tuo primo giro di email dovrebbe approcciarsi alla vendita più vagamente possibile. Ricorda che il tuo obiettivo non deve essere vendere, ma dare al tuo pubblico informazioni per lui essenziali e utili.

Potrebbe essere la prima email che queste persone hanno mai ricevuto, quindi dovrebbe essere più indirizzata a da valore e meno alle vendite. Usa questa email per presentarti alle persone nella tua mailing list e chiedere loro di dirti cosa vorrebbero avere da te in futuro. Più dialoghi inizi con i membri della tua lista, meglio sarai in grado di indirizzare le email future secondo le loro preferenze.

Pianificazione delle email

Ora è il momento di impostare un sistema di invio delle tue email (un software che ti permetta appunto di gestire delle campagne di email marketing) che includerà la tua campagna iniziale e gestisca anche quelle future. Il piano della tua campagna dovrebbe anche tenere conto dei modelli di acquisto dei tuoi clienti.

Ad esempio, se sai che i tuoi clienti tendono a fare grandi acquisti all’inizio dell’anno solare, quando i loro budget sono stati aggiornati, pianifica che la tua campagna di posta elettronica raggiunga l’apice in quel periodo. Allo stesso modo, dovresti prendere in considerazione eventuali rilasci di prodotti principali pianificati dalla tua azienda.

Dopo la fase iniziale, le tue e-mail dovrebbero essere personalizzate come puoi farle. Inviateli sempre dallo stesso account email e firmateli con lo stesso nome: questo dà ai destinatari la sensazione di avere una persona reale come corrispondente piuttosto che una società o persona senza volto. Dovresti includere il nome del destinatario nella parte superiore e qualsiasi altro dettaglio personalizzato che puoi inserire nel corpo dell’e-mail (ad esempio, il nome della sua società).

Non bombardare i destinatari con troppe email o troppe informazioni in ogni email. Un buon punto di partenza è un messaggio a settimane alterne con ogni messaggio contenente almeno tre news di informazioni utili e relative all’argomento di interesse del tuo contatto mail.

Queste notizie possono essere idee per l’utilizzo del prodotto, notizie relative al settore, citazioni interessanti, ecc. Come regola generale, più spesso invii email, più brevi dovrebbero essere. Puoi sapere se stai inviando troppe email tenendo d’occhio il tasso di cancellazione della tua lista.

Una piccola percentuale di destinatari cancellerà la tua lista dopo ogni mailing, ma se quel numero inizia a salire, è tempo di ridurre la frequenza di invio delle tue campagne di email marketing e possibilmente mettersi in contatto con alcuni degli iscritti per vedere se c’è un altro problema che non hai si accorse.

Idee per i contenuti delle tue campagne mail

Se hai difficoltà a trovare idee per contenuti o argomenti che attirano l’attenzione, prova a iscriverti ad alcune liste di email dei tuoi concorrenti. Le newsletter relative al settore della tua azienda possono anche essere una ricca fonte di idee.

Puoi anche utilizzare materiale proveniente dalla pubblicità stampata e dai comunicati stampa della tua azienda. Infine, resta aggiornato sulle nuove versioni dei prodotti o sulle imminenti modifiche del modello per i prodotti della tua azienda in modo da poter comunicare questi dettagli ai tuoi abbonati. Se sai che è in arrivo una nuova promozione o offerta speciale, menzionale pure.

Puoi includere tutti i tipi di extra visivi e anche uditivi come video, animazioni e così via. Tuttavia, le email molto impegnate con molte parti mobili richiederanno più tempo per il download e molti client email bloccano queste parti dell’email come misura di sicurezza. Tienilo a mente mentre progetti le tue email in modo che sembrino utili solo con le parti di testo e con l’intero set di immagini.

Una volta che hai un design che ti piace, non cambiarlo a meno che tu non abbia un motivo valido. Un aspetto coerente delle tue email aiuterà i tuoi abbonati a riconoscerle a colpo d’occhio.

Se decidi di provare un nuovo design, testalo innanzitutto inviando la nuova versione a un piccolo gruppo di iscritti mentre invii la versione precedente al resto dell’elenco. Se il nuovo design ottiene una risposta più positiva rispetto a quello precedente, dovresti considerare di distribuirlo a tutto il gruppo. È possibile utilizzare la stessa tecnica per testare nuovi argomenti, copiare componenti o persino offerte di vendita.

Dopo aver concluso la tua prima campagna email, assicurati di raccogliere parecchie note su come è andata: cosa ha funzionato, cosa non ha funzionato, con quale frequenza i tuoi destinatari hanno chiesto di ricevere email, se hanno chiesto offerte di valore specifico (ad es. Come usa i tuoi prodotti) e così via.

L’ultima cosa che devi fare è ricominciare da capo con ogni campagna di email marketing. Inoltre, tieni traccia delle dimensioni del tuo elenco di iscritti. Di solito, crescerà gradualmente nel tempo, con il picco occasionale verso l’alto dopo un evento del settore o una corrispondenza particolarmente efficace.

Se il numero di abbonati rimane pressoché invariato per un lungo periodo o diminuisce improvvisamente, è necessario trovare il problema e risolverlo. Devi fare in modo di provocare nelle persone che ricevono le tue comunicazioni, una vera e propria dipendenza dalla tue email!

Solo in questo modo potrai essere certo che la tua campagna di email marketing stia avendo successo e soprattutto sia utile e interessante per gli iscritti alla tua lista.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here